Mauro Ravotto - Azienda Agricola

Galleria Immagini:

Patata viola Patata viola Patata viola Patata viola Patata viola Gialla Gialla Gialla Gialla Gialla Mozart Mozart Mozart Patata Blu Rossa di Mombarcaro Rossa di Mombarcaro Rossa di Mombarcaro Sylvana Sylvana Sylvana Prodotto Confezionato Prodotto Confezionato Prodotto Confezionato Prodotto Confezionato Prodotto Confezionato CECI CECI NERI CANNELLINI CIPOLLE AGLIO CONSORZIO Campo Varietale DSC01202 Copia (2) di foto semina patate 028 foto semina patate 018 foto semina patate 042 Semina1 Semina2 patsem4 Pre-rincalzatura Rincalzatura1 Rincalzatura2 Rincalzatura3 Rincalzatura4 Sarchiat1 Sarchiat2 Sarchiat3 Sarchiatur DSC01600 fiore yun_651 DSC01309 DSC01310 DSC01311 DSC01312 DSC01393 DSC01313 Raccolta foto sede foto consorzio 045 Parcelle 1 foto vecchia x storia DSC01598 gnocchi al castelmagno

La storia

L’azienda agricola Ravotto Mauro ha sede in Mombarcaro, ha iniziato la sua attività nel 2004 subentrando al padre e garantendo continuità all’attività familiare che si tramanda di generazione in generazione.

L’impresa essendo situata in un Comune delle terre dell’Alta Langa, poste ad un’altitudine fino ai 900 mt. s.l.m. con caratteristiche ideali per la coltivazione della patata, si è specializzata nella produzione di patate a polpa gialla, polpa bianca, patate rosse e patate viola. Le caratteristiche proprie del territorio dell’alta langa forniscono a questo prodotto il massimo della consistenza organolettica attribuendo un sapore inimitabile e non riproponibile in altre aree. L’azienda ha affiancato alla patata la produzione di cipolle, aglio, ceci, grano saraceno, mais tradizionale e orzo e, nel rispetto della stagionalità, propone i suoi ortaggi anche con la vendita diretta in azienda. Con costanza e metodo, l’azienda agricola Ravotto Mauro si propone riportando gli antichi equilibri ed armonia della natura, come già si faceva nel passato con un sistema che riprende le antiche metodologie naturali di coltivazione.

Chiudi

Ravioli di Patate “Burro e Salvia

Disponete la farina a fontana su uno spianatoio, unite 3 uova intere e 9 tuorli e l’olio; quindi impastare con cura e tirare una sfoglia sottilissima. Intanto in una casseruola, avete fatto bollire le patate, passate al setaccio e fatti insaporire insieme al trito di porri stufati con burro, parmigiano reggiano, sale e pepe. Quando il ripieno si sarà raffredato passate alla preparazione dei ravioli. Condire con burro e salvia.

Chiudi

Gnocchi di Patate Viola al ”Castelmagno”

Cuocete le patate con la buccia per mezzora in acqua bollente; scolatele e pelatele per poi passarle subito allo schiaccia patate ancora calde. Aggiungete la farina, i tuorli delle uova, il sale; amalgamate fino ad ottenere un impasto morbido e consistente. Staccatene dei tronchetti grandi come pagnottelle e lavoratele con le mani fino ad ottenere dei cilindri grossi come le dita. Tagliateli a pezzi di due centimetri circa e passateli sui rebbi di una forchetta per dare ai gnocchi la caratteristica rigatura. Cuocere in acqua bollente e salata fino a quando affiorano. Condirli allora con il Castelmagno fuso con il latte

Chiudi

Cartoccio di Patate “al Raschera”

Cuocere le patate con la buccia per circa mezzora in acqua bollente. Scolatele e sbucciatele, create un incavo nelle patate per poi riempirlo di crema di raschera preparata in anticipo sciogliendo il formaggio con un po’ di latte. Avvolgete le patate con carta alluminio chiudendo con cura a forma di caramella. In ultimo, passatele in formo per circa mezzora a 200° C.

Chiudi